Molti ritengono che siano semplicemente una versione aggiornata ai nostri giorni delle pubbliche relazioni, ossia quell’insieme di iniziative volte a sostenere la reputazione di un brand, contribuendo a creare valore e a sviluppare connessioni virtuose tra vari attori coinvolti: testata e azienda. 

Questa definizione è senza dubbio corretta per le pubbliche relazioni tradizionali, ma se in questo scenario introduciamo il digitale, tutto cambia. Ogni azienda deve necessariamente avere dei legami con i moderni media online, per ottenere visibilità per il proprio brand o far sì che gli influencer del settore ne parlino. 

Le Digital PR sono iniziative volte a costruire e migliorare la reputazione online di un’azienda / brand attraverso la pubblicazione di contenuti relativi all’azienda su testate online quali siti web, blog e profili social di influencer. Costituiscono un’opportunità molto valida per mettere in evidenza gli aspetti migliori e più interessanti del brand, dei suoi prodotti e servizi. Inoltre, le digital PR consentono di creare connessioni con molteplici attori (si pensi agli influencers) che potrebbero incidere sulle scelte d’acquisto del target di un’azienda, condizionarne il processo d’acquisto e la percezione.

Le Digital PR consentono di raggiungere e conquistare gli earned media, integrandosi agli owned media (i canali proprietari del brand, quali sito web e canali social) ed ai paid media (i canali a pagamento, quelli su cui si acquistano spazi pubblicitari come Google Ads e Facebook Ads) e rendendo completa la strategia digitale di un brand.

In abbinamento ai giusti contenuti editoriali e alla migliore strategia social, le Digital PR contribuiscono a dare un’accelerazione alla brand awareness, a veicolare i giusti contenuti, ad impattare sulle abitudini d’acquisto dei consumatori facendole indirizzare verso l’azienda.