Condividi sui tuoi social!

I criteri di un sito usabileSembra quasi incredibile ma c’è ancora chi non si preoccupa dell’usabilità del proprio sito. In un momento storico in cui la maggior parte del business sta passando sul web e presto, grazie al lavoro di Google, ci si trasferirà del tutto, nessuno si può più concedere il lusso di non pensare a come gli utenti percepiscano la propria “casa virtuale”. Ecco perché diventa importante conoscere e mettere in pratica questi 10 criteri attraverso cui potete stabilire se il vostro sito è usabile o meno. Entriamo nella “lista”. 

Non ci sono più scuse. Il sito web deve essere una risorsa e non una seccatura pro-forma. Per riuscire in questo intento è importante che gli utenti ci trovino quel che cercano e ci riescano facilmente. Ecco 10 criteri per capire se il vostro sito è usabile:

  1. Avete contenuti semplici?
    La ridondanza è bandita e la creatività deve essere al minimo storico. Informazioni base come i contatti, le reviews sui prodotti e il modo di acquistarli devono essere fruibili da tutti.
  1. Tenete ben informati gli utenti?
    Ogni passaggio che compie l’utente deve essere accompagnato per mano e confermato. Informateli di tutto. Per esempio, se hanno compilato un form, scrivete sul wall che tutto è andato a buon fine.
  1. Usate lo stesso registro di linguaggio del vostro pubblico?
    Ricordatevi sempre chi è il destinatario dei vostri messaggi ed evitate, quindi, di assumere registri linguistici che potrebbero confonderlo o addirittura disinformarlo.
  1. Siete coerenti?
    Cercate di seguire le convenzioni del vostro settore e di non confondere mai l’utente o scapperà altrove.
  1. Riuscite a non far pensare l’utente?
    Chi naviga non ha mai molto tempo e di base è distratto da altre attività. Non presumete nulla e non chiedete sforzi mnemonici che sarebbero solo vani.
  1. Siete facilmente esplorabili?
    Possedere molti contenuti utili vi fa gioco ma solo se sono facilmente reperibili. Le vostre porte devono essere ben visibili e sempre aperte.
  1. Sapete evitare gli errori?
    Se fate un buon lavoro di design, avete ottime chance di prevedere e bypassare gli errori più classici. Tasti ben visibili e chiari, homepage sempre raggiungibile e contatti a portata di mano.
  1. Sapete correggere gli errori?
    Anche se al punto precedente avete lavorato bene, non è possibile prevedere il 100% dei casi. Dovete mettere l’utente in condizione di riparare al suo gap facilmente. Per esempio, un campo mancante deve essere facilmente modificabile.
  1. Potete supportare gli utenti?
    Se per il vostro business è obbligatorio avere delle procedure più complesse (per esempio un’iscrizione che prevede documenti di vario tipo), dovete prevedere focus, FAQ e quant’altro possa rendere più facile questo passaggio tortuoso.
  1. Siete in grado di personalizzare il sito?
    Dovete coccolare anche gli utenti esperti. Se per quelli nuovi, infatti, la chiarezza è la strada maestra, per quelli più consumati è importante prevedere delle personalizzazioni di menu, di anagrafiche e di path.

Se vi interessa saperne di più sull’usabilità di un sito, troverete molte informazioni interessanti su questo link http://www.nngroup.com/articles/ten-usability-heuristics/.

Published On: lunedì, 8 Giugno 2015 / Categories: Guide & How To /

Condividi sui tuoi social!

Scrivi un commento

Iscriviti per restare al passo con le ultime novità del digital

Ricevi la newsletter di Comon e non perderti le nostre guide e news, promettiamo di non inviarti troppe email! 🙂